mercoledì 7 aprile 2010

due risultati in one colpo



- C'è sempre tempo per crescere.
A volte penso che io stia crescendo adesso,
crescendo nel senso di maturare.
Il mio rapporto con la macchina non è che sia mai stato dei migliori.
Forse per un incidente (neanche tanto gravissimo, nel senso che non ci furono morti, ma solo fratture ma molto molto spavento) che ebbi a 18 anni,
forse perchè non tutti sono portati alla guida,
e io sono una di quelle,
forse perchè per una serie di circostanze, non tutte dipendenti da me, presi la patente a 30 anni,
ma in questi 15 anni ho usato la macchina esclusivamente in città,
al sicuro fra il traffico e i soliti percorsi,
tanto per i viaggi fuori porta ha sempre guidato mio marito.
Il rapporto con le persone che mi circondano è sempre stato guidato dal senso del dovere, questo in particolare con i parenti miei e quelli di mio marito.
Un frainteso senso del dovere che spesso ha portato gli altri a farci affidamento, senza sentire lo stesso senso del dovere nei miei confronti.
A lungo andare questo atteggiamento ha usurato le mie energie lasciandomi sfinita e incapace di godere qualsiasi momento di convivialità familiare.
Le feste ormai, vengono considerate, da me e da mio marito solo dei tour de force, in cui siamo assoggettati ai capricci di questo o di quella, senza che essi si mettano il minimo scrupolo per la stanchezza accumulata durante l'anno per accudire a tutto.
La nostra è una situazione pesante.
Mio marito ha superato i 60 anni, ha 3 figlie dal precedente matrimonio, a cui malgrado l'età ormai non più verdissima deve ancora badare economicamente oltre che come figura di riferimento paterna, passa ancora gli alimenti alla ex, non si è ancora capito a che titolo, visto che lei lavora, ma in Italia una revisione dell'assegno deve aspettare anni.....e poi gli uomini hanno sempre torto e la seconda moglie vale meno della ex
e sin qui.... pazienza!
Il bello viene con la madre ultranovantenne e la sorella con seri problemi mentali.
Ovviamente io devo lavorare e lui idem (due lavori per mantenere decorosamente l'ambaradan) nel frattempo bisogna anche stare dietro le esigenze della mamma e della sorella.......
Mia suocera, ci sarebbe da scrivere un romanzo, una ne pensa e cento ne fa, e poi bisogna raccogliere i cocci.... mia cognata è malata.... e con la scusa che è malata....
le telefonate possono arrivare a qualsiasi ora del giorno e della notte.
E poi c'è la nostra famiglia, con due figli adolescenti....
Durante le feste, in particolare a Natale e Pasqua, avremmo bisogno di staccare, allontanarci e invece.....
I miei stanno distanti 180 km dalla mia città e con gli annessi e connessi dei familiari di mio marito non ci vediamo spessissimo, e anche loro stanno invecchiando.
In tutti questi anni con la scusa che mia suocera era anziana, ho sempre messo lei come priorità: Natale con lei e i suoi e il giorno dopo dai miei o andiamo a prendere i miei li ospitiamo a casa e passiamo il Natale tutti insieme!
Che bello!
Ovviamente tutto preparato da me, ospitati tutti da me, oltre che andati a prendere da mio marito, preparato cenone di Natale e Pranzo di Natale, perchè o all'uno o all'altro ci sono le figlie di mio marito...
Un incubo: le pulizie prima, la spesa, la cucina, le pulizie dopo, le montagne di biancheria da lavare....
E a Pasqua si rinizia.....
Tra l'altro questa situazione porta a casa un malumore terribile che ha come conseguenza gravi litigi tra me e mio marito.
Quest'anno no!
Quest'anno a Pasqua no!
Feste separate!
Io ho preso la mia macchina e con i figli sabato sono andata in paese dai i miei,
mio marito il giorno di Pasqua ha portato la mamma e la sorella in ristorante, e poi alle 15 le ha riportate a casa ed è venuto da me.
Ci sarebbe da scrivere sulla giornata di mio marito e quello che ha dovuto subire dalle due.....
Sono orgogliosa di me.
Erano tutti preoccupati per il mio viaggio,
io ero tranquilla,
soprattuto mia mamma non mi ha fatto fare nulla, ha cucinato lei..... e mi sono rilassata, vuoi mattere?
Adesso sono disposta a farne anche mille di chilometri, pur di allontanarmi.......

4 commenti:

Mio Capitano ha detto...

Carissima Fiore, torno al virtuale dopo un'assenza obbligata. Leggo dei tuo infelice rapporto con l'automobile che condivido, non avendo io mai preso la patente e non essendovi mai stato vicino (è stata, credo, una delle migliori decisioni della mia vita). Tuo marito mi sembra in gravi difficoltà con tante mogli e figli da sostenere, ma spero se la cavi al meglio. Anche se parli male di Pasqua mi auguro che non tutto ti sia andato storto. Per il resto 'a primma cosa è sempe 'a salute. :-)

Fiore ha detto...

Mio Capitano :-) ho saputo della tua astinanza forzata, e va bhe!
Si mio marito ha qualche difficoltà :-)e io con lui, però andiamo avanti....
Però con la macchina, non ci crederai... alla fine sono contenta ci metto più tempo degli altri ma alla fine ci riesco...
Non potrei farne a meno con i figli e i loro impegni, visto che mio marito è spesso assente...
Sai cosa mi disse una volta uno, mentre tentavo di parcheggiare (il posto a dire il vero era difficile per chiunque)...
." scusi ma lei ha preso la patente con CEPU?"
giuro che ancora lo ricordo e rido da sola!
E sai cosa mi dice la mia amica?
" Fiore.... tu fai traffico da sola...."

Cleide ha detto...

Fiore cara come capisco. Pensa che io ogni anno ripeto: quest'anno prendo la patente. Ma è rimasto sempre un proposito mai attuato. Stavolta però mi sa che mi tocca sul serio e cercherò di farmi passare questa paura del cavolo.:)Sulle feste aiuto. Sono faticose in ogni situazione perché devi accontentare tutti tranne che te stessa. Il tuo caso è comprensibilmente pesante e quindi appoggio questo tuo momento di sano egoismo. Un malumore in meno e un po' di riposo in più. :)

antonio76 ha detto...

La cosa principale è che siete riusciti a farlo senza litigare tra voi.. questo mi sembra utile oltre che importante !!
Un bacione :)