mercoledì 23 febbraio 2011

Fatti miei sull'importanza di essere pronti per "ricevere"

Oggi,
 finalmente  ho capito il motivo del malessere persistente che mi affligge:
Funziono come un'antenna e non ho qualcosa che mi permette di scaricare tutto ciò che il mio corpo emotivo e fisico "percepisce"
Sono arrivata a questa conclusione, osservando come in giornate nuvolose i miei malesseri peggiorano, arrivando ad alleggerirsi notevolmente con una bella giornata di sole.
Metereopatica, ecco cosa sono!
A parte questo sono particolarmente sensibile alle situazioni ambientali ad ampio raggio.
Quando dieci anni fa, iniziai il lungo percorso della "Conoscenza",  fui informata  che l'andare avanti sarebbe stato difficile, per la mancata adeguatezza del corpo fisico ed emotivo che devono  essere "pronti" per accedere a certi livelli.
Ammetto che presi sotto gamba questo aspetto, non riuscendo a capirne il vero significato.
Mi sono buttata a capofitto nell'impresa della "conoscenza" , illusa di essere pronta, ma adesso ne capisco l'importanza.
Adesso che i grandi cambiamenti stanno avvenendo mi sento inadeguata.
Adesso che ho acquisito certe capacità di "apprendimento" non sono abbastanza "forte" per gestire le "informazioni" e mi sento sfinita.
E pensare che volevo scrivere di altre cose.......
e scrivendo sono riuscita ad andare dritta al problema .

4 commenti:

antonio76 ha detto...

Succede che uno inizia da via traverse per arrivare al cuore delle cose :) l'importante è arrivarci :)

Mio Capitano ha detto...

Devi essere impegnata in qualcosa di importante sul fronte della conoscenza su cui ti ho sentito fare degli accenni varie volte. Il corpo sembra non reggere le straordinarie potenzialità della mente...

Fiore ha detto...

Mio Capitano :-) Hai scritto un post che quasi..... interpreta, e mi riferisco a quello :
Ecce homo!Ecco l'uomo..
o ad un'altro che scrivesti sul fatto che in fondo per vivere basta pochissima conoscenza....
Forse la conoscenza è una sola! E forse è l'intuizione che ebbe il tuo "Uomo!,
non lo so.....
Il problema è che mi uccidono sia le cose che non so che quelle che so..........
Che palle!

cleide ha detto...

Ci sono momenti nei quali cavalco la tua stessa onda psichica ed emotiva e non sempre riesco a decodificare tutto quello che mi arriva addosso e finsco per essere travolta dall'onda stessa. Ah ma non dispero:))